Orari : Dal lun. al ven. dalle 8.00 alle 20.00
  Telefono : 081.192.539.30 - 338.581.0019

Rieducazione Motoria nella Terza Età

Il problema più comune della Terza Età è il generale peggioramento delle funzionalità motorie, causato dal naturale deterioramento, invecchiamento di strutture osteoarticolari e miotendinee. A questo si aggiungono anche traumi e patologie a cui gli anziani sono maggiormente soggetti ed in alcuni casi anche un graduale deterioramento cognitivo: per tutte queste eventualità è fondamentale operare tempestivamente con un’attività riabilitativa mirata, che consenta un pieno (o parziale) recupero funzionale motorio.

Gli obiettivi della terapia riabilitativa e strumentale sono molteplici: risoluzione dello stato infiammatorio, riduzione/scomparsa del dolore, miglioramento della funzione muscolo-scheletrica e della qualità di vita, prevenzione della sindrome da ipomobilità/immobilizzazione nell’anziano, ripresa delle attività funzionali che ci si è prospettati.

Il 30% degli anziani ha limitazioni motorie, dovute principalmente a patologie muscolo scheletriche (traumatologiche, ortopediche, reumatologico-degenerative), ma non solo, basti pensare alle patologie neurologiche invalidanti.

Presso lo STUDIO KINESIO SPORT LAB si effettua riabilitazione per anziani: lo studio è infatti specializzato nell’elaborare percorsi riabilitativi personalizzati, dove ogni paziente potrà godere in tutta sicurezza dell’assistenza di un fisioterapista qualificato che seguirà ogni singola fase del processo di recupero.

In presenza di algie, c’è la possibilità di combinare Terapie fisiche (LaserYag, Tecarterapia, Onde d’urto, Ultrasuonoterapia, Magnetoterapia, Correnti antalgiche) a Terapie Manuali (Kinesiterapia, Rieducazione posturale, Rieducazione Neuromotoria, Rieducazione Motoria e Propriocettiva, Massoterapia).

Superata la fase acuta si consiglia di continuare anche a domicilio con gli esercizi insegnati ed appresi, e di seguire i consigli dati per mantenere una buona qualità di vita e prevenire eventuali riacutizzazioni o complicazioni.

Si consiglia inoltre di continuare periodicamente con cicli di rieducazione motoria specifica singola da eseguirsi 1 o 2 volte a settimana come terapia di “mantenimento”.

Importante è informare le persone che la mancanza di un’adeguata e costante attività motoria contribuisce alla progressiva perdita della coordinazione, del tono-trofismo muscolare e del contenuto minerale del tessuto osseo (osteoporosi), tipiche dell’età avanzata, con conseguente aumento del rischio di cadute, fratture e immobilizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *